28 – Badessa La vestizione della badessa

Una storia di centinaia di donna, costrette; perdevano i propri diritti e le proprie speranze. Il taglio dei capelli rappresenta la privazione dell’identità ed un distacco dalla vita pregressa. Le consorelle erano incaricate di spogliare dei propri abiti le nuove arrivate, così da gettare gli abiti impuri e profani, procedendo con alla vestizione degli abiti monacali che di li in poi rappresenteranno l’unico abbigliamento concesso, uniformandosi alla comunità cancellando l’io individuale.

Nitti Maria

Hai una porta sul percorso che vuoi candidare? Clicca qui

Vuoi partecipare anche tu alla prossima edizione? Clicca qui

Dove si trova e come raggiungerla (Riferimento n.28)